Il godimento retrospettivo dell’infanzia è come un presente che si rinnova di volta in volta.
nel piacere del dipingere, del raccontare attraverso i”protagonisti” delle sue divertite satire
pittoriche.
E’ lo “sguardo sul mondo” che oggi gli consente di assemblare piccole storie, in cassette e supporti di legno a”uso portatile”.
Raccontando il vissuto, alcuni personaggi emblematici: il ciclista, il jockey, il clown, il motociclista, l’aviatore etc…
…diventano oggetti di manipolazione, in quanto manipolati dall’intricante rituale della “messa in scena “ mondana… (Miklos N. Varga)
 

foto

foto
foto
foto

foto

foto
foto
foto
   
 
"… il mercato degli uomini obesi
è una domenica mattina
nella più antica strada
del vecchio quartiere
del paese di sam…
il mondo passa con le sue scarpe curiose
patetico
sorrisi singhiozzi verità fantasmi
…ci sono tanti bar con le tende variopinte…"


Il personaggio in scena fuoriesce dallo spazio, nel cattivo gusto che non vuole oltraggiare, ma contattare. Il riferimento alle cose stesse, più che ad una geografia umana, memorabile per reperti ritagliati o ritrovati, trova un teatro del mimo, o la sua grottesca personificazione, nel quadro che simula il moto bloccandolo subito per un colmo evidente di teatralità.
I l collage esaspera la scena come un numero da avanspettacolo altresì blocca qualsiasi “Fiction di continuum” nel farsi ipotetico nell’avvenimento…
Da: Lischetti dagli arcipelaghi al cabaret. (Alessandro Mozzambani).
 

foto

foto
foto
foto
   
 
IIl filo conduttore è da sempre un personaggio compìto, rigorosamente vestito, che riconduce ad una biografia universalmente fissata nella sconvolgente, esilarante, inquietante casistica del vivere.
L’impianto delle opere è chiaramente surreale.
Il bersaglio è perennemente in movimento, nuove occasioni ripropongono ambiguamente.
il gioco dell’invenzione… (Roberto Sanesi)
 

foto

foto
foto
foto
       



Web Design: Studio Benzoni Srl - Insology